Rottamazione cartelle esattoriali e saldo e stralcio

Contact Us

Saldo e stralcio delle cartelle esattoriali

Premesso che anche per il saldo e stralcio è prevista la riapertura dei termini entro il 31 luglio, la norma prevede la possibilità di pagare solo una parte dell’intero capitale, calcolata in percentuale, con la decurtazione di interessi e sanzioni. Se ti stai chiedendo da cosa dipenda la percentuale da scorporare sulle somme dovute a titolo di capitale e interessi di ritardata iscrizione a ruolo, questo dipende dal reddito che risulta dall’Isee del tuo nucleo familiare, ed è così contemplato:

  • Il 16% per chi ha un Isee fino a euro 8.500;
  • Il 20% per chi ha un Isee da euro 8.500 a 12.500;
  • Il 35% per chi ha un Isee da euro 12.500 a 20.000.

Considerando che anche in questo caso, come per l'intera normativa in materia di rottamazione delle cartelle esattoriali e saldo e stralcio, i termini per formulare la domanda sono aperti fino al 31 luglio, il versamento delle rate può avvenire entro il 30 novembre 2019 in un’unica soluzione o a rate, con un numero delimitato di 9 versamenti. La prima rata da versare entro novembre e dovrà essere pari al 20%, a seguire le altre otto rate, che devono essere onorate tra il 2020 e il 2021 entro e non oltre il 28 febbraio, 31 maggio, 31 luglio e 30 novembre 2020.

Proprio in occasione di quest'ultima apertura dei termini e per tutti i contribuenti che sono stanchi di sentire il peso dei contributi passati non versati, è consigliabile affidarsi al nostro Studio Legale Avanzolini Federico, che da anni disbriga tale tipo di pratiche ed è ormai esperto dei meccanismi, talvolta farraginosi, che li compongono. Puoi chiedere maggiori informazioni o una prima consulenza on line per avere dei consigli, collegandoti al nostro sito.

Rottamazione cartelle esattoriali e saldo e stralcio

Riapertura dei termini e modalità di presentazione

Grazie all’approvazione da parte del Governo del nuovo decreto Crescita, si riaprono i termini per aderire alla rottamazione ter delle cartelle esattoriali e del saldo e stralcio, la cui scadenza è stata fissata al 31 luglio.

Stessa regola anche per chi volesse usufruire della formula del saldo e stralcio, regolando la propria situazione attraverso il pagamento di una sola parte di debiti.

Ciò che risulta più vantaggioso per il contribuente, è la possibilità di rottamare le cartelle esattoriali, per tutti i carichi presi in affidamento da Equitalia e successivamente dall’Agenzia delle Entrate Riscossione, dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2017. Chi deciderà di entrare in questo condono, dovrà corrispondere la parte residua del proprio debito, escluse sanzioni e interessi di mora.

Procedura di rottamazione di cartelle esattoriali e saldo e stralcio: come usufruire del condono

Per poter usufruire del condono, rientrando nella riapertura dei termini del 31 luglio, il contribuente deve manifestare la propria volontà ad aderire, utilizzando il sistema e le modalità contemplate per la rottamazione-ter, che riguardano la rottamazione delle cartelle esattoriali e saldo e stralcio, il cui modello si trova sul sito dell’Ader.
L’alternativa che gli si presenterà sarà il pagamento in 17 rate a partire dal 30 novembre 2019 o un unico esborso, a saldo, entro il 30 novembre 2019. Se si dovesse optare per la prima soluzione, è necessario sapere che la prima rata deve essere pari al 20% dell’intero importo e le altre, di uguale importo andranno versate in quattro date prestabilite a partire da 2020: 28/2,31/5,31/7,30/11.

Chi resta escluso

Resta escluso dalla riapertura dei termini per la rottamazione delle cartelle esattoriali e per il saldo e stralcio, chi ne aveva già beneficiato con l’istanza da trasmettere entro il 31 aprile, a meno che non voglia farne richiesta per cartelle nuove, non incluse nella precedente partita. Altro caso di esclusione riguarda coloro che hanno carichi nascenti da risorse proprie UE o per Iva all’importazione.

Nel caso in cui nel conteggio che ti è pervenuto dovessero esserci cartelle già prescritte, queste ultime non sono dovute, per questo è necessario il consulto di un legale ferrato nella materia, che riesca ad individuare e quindi ad escludere dal conteggio, le cartelle ormai cadute in prescrizione. La ratio della legge sulla rottamazione delle cartelle esattoriali e del saldo e stralcio, infatti, è quella di includere tutte le pendenze affidate all’esattore che intercorrono tra il 1° gennaio 2000 e il 31 dicembre 2017.

Consulenza Online

Lo Studio Legale Avanzolini offre un servizio di consulenza tributaria a Roma, Latina e Cori. In caso di impossibilità a recarsi in sede è possibile richiedere una consulenza legale online per avere in tempi brevi informazioni e pareri legali nell'interesse del pubblico (come avviene comunemente per via diretta o telefonica) avvalendosi del mezzo telematico.

Privacy
Oggetto: La scrivente fornisce, di seguito, le informazioni riguardanti l’utilizzo dei dati personali da Lei rilasciati attraverso la compilazione di questo form, in osservanza alle norme di cui al Regolamento UE 2016/679, relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati (noto anche come GDPR). I dati concernenti la Sua persona, da Lei spontaneamente forniti tramite la compilazione di moduli informatici, vengono raccolti esclusivamente per consentire il contatto con l’azienda e, eventualmente, eseguire il contratto con Lei concluso. Il conferimento, da parte Sua, dei dati in parola ha natura obbligatoria; il suo eventuale rifiuto non ci permetterà di fornirLe il prodotto/servizio da Lei richiesto (potenzialmente esponendoLa a responsabilità per inadempimento contrattuale) e, comunque, di evadere la Sua richiesta. All’interno della nostra struttura potrà venire a conoscenza dei dati solo il personale incaricato di effettuare operazioni di trattamento dei dati stessi, sempre per le citate finalità. Le ricordiamo inoltre che, facendone apposita richiesta al titolare del trattamento, potrà esercitare tutti i diritti previsti dagli articoli da 15 a 22 del predetto Regolamento UE, che Le consentono, in particolare, la facoltà di chiedere l’accesso ai dati personali e di estrarne copia (art. 15 GDPR), la rettifica (art. 16 GDPR) e la cancellazione degli stessi (art. 17 GDPR), la limitazione del trattamento che La riguardi (art. 18 GDPR), la portabilità dei dati (art. 20 GDPR, ove ne ricorrano i presupposti) e di opporsi al trattamento che La riguardi (artt. 21 e 22 GDPR, per le ipotesi ivi menzionate e, in particolare, al trattamento per finalità di marketing o che si traduca in un processo decisionale automatizzato, compresa la profilazione, che produca effetti giuridici che lo riguardano, ove ne ricorrano i presupposti). Le ricordiamo, altresì, il Suo diritto, qualora il trattamento sia basato sul consenso, di revocare detto consenso in qualsiasi momento, senza pregiudicare la liceità del trattamento basata sul consenso prestato prima della revoca; per fare ciò, può disiscriversi in ogni momento contattando il titolare del trattamento ai recapiti pubblicati sul sito stesso. La informiamo, inoltre, del diritto di proporre reclamo all’Autorità Garante per la Protezione dei Dati Personali, quale autorità di controllo operante in Italia, e di proporre ricorso giurisdizionale, tanto avverso una decisione dell’Autorità Garante, quanto nei confronti del titolare del trattamento stesso e/o di un responsabile del trattamento.

   Acconsento al trattamento dei dati

Vuoi sapere di più? Siamo lieti di rispondere.