Ricorso Avverso Avviso di Accertamento

Contact Us

Avviso di accertamento: come contestarlo?

Tutela legale per il contribuente

L’avviso di accertamento non è che un atto formale emesso dall’Agenzia delle Entrate Riscossione con il quale si chiude la fase di controllo relativa alle irregolarità commesse dal contribuente, sommando le relative sanzioni e le maggiori imposte dovute.

Elementi essenziali dell’avviso di accertamento

L’avviso di accertamento, per esplicare i suoi effetti, deve possedere dei requisiti inequivocabili, come i componenti di reddito rettificato, le aliquote che hanno applicato, l’imponibile già accertato e le imposte liquidate. Dovrà, inoltre, indicare le circostanze che hanno permesso il ricorso a metodi induttivi e i motivi per il quale non vi è stato il riconoscimento di deduzioni e detrazioni.

Altri requisiti formali sono: l’intimazione ad adempiere entro 60 giorni dalla notifica, la sottoscrizione da parte del direttore dell’Ufficio che lo ha emesso, ma anche un suo delegato facente parte della carriera direttiva e in ogni caso la delega deve seguire specifici limiti, come la motivazione, la nominatività e la validità per un tempo limitato. Questo requisito è sostanziale, in quanto la sua mancanza rende illegittimo l’accertamento e consente un ricorso avverso il suo avviso.

Altro elemento importante è il fatto che la notifica dell’avviso di accertamento sia pervenuta entro e non oltre il quinto anno successivo a quello nel quale è stata commessa la violazione, inoltre, gli stessi termini devono essere rispettati per rendere esecutivi i ruoli che stabiliscono ed emettono le sanzioni.
Questi requisiti appena enunciati, sono gli stessi che possono essere posti a fondamento del ricorso contro l'avviso di accertamento, qualora anche uno di essi non fosse stato rispettato.

Ricorso avverso l'avviso di accertamento

Se ti stai chiedendo se l’avviso di accertamento possa essere contestato, la risposta è sicuramente positiva. Non vi è dubbio che il legislatore ha predisposto una procedura ad hoc per la tutela del contribuente, che in presenza di validi motivi, voglia contestare l’avviso che gli è stato notificato.

Se è vero che esiste una normativa specifica da applicare alle diverse ipotesi, è anche vero che il contribuente ha sicuramente più chance di vincere, se si lascia seguire da uno studio legale che è avvezzo a questo tipo di pratiche, conosce le istituzioni con le quali deve interfacciarsi, i termini e i presupposti per la contestazione. La materia contributiva, purtroppo, è particolarmente specifica e cavillosa e un lavoro ``fai da te`` sarebbe solo controproducente e dispendioso in termini di tempo. La mediazione di un legale che si occupi della questione è certamente la scelta più idonea.

Termini per la contestazione

La contestazione dell’avviso di accertamento può avvenire non oltre i 60 giorni dalla notifica, innanzi alla commissione tributaria provinciale, che è il giudice competente per tali controversie. Il termine anzidetto può essere prorogato di 90 giorni nel caso di presentazione di istanza di accertamento con adesione o di soli 46 giorni se è intercorsa la sospensione feriale dei termini per il ricorso.

Nel caso in cui il termine sia decorso e il contribuente non abbia pagato né presentato la contestazione, l’avviso notificato diviene esecutivo e da questo momento decorrono altri 30 giorni per offrire la possibilità al debitore di pagare, in seguito ai quali l’avviso passa agli agenti della riscossione esattoriale.

In ogni caso la materia contributiva è ricca di spunti dottrinali e giurisprudenziali, pertanto solo con il valido aiuto del nostro team di avvocati, sarà possibile superare ogni ostacolo e trovare quel motivo, forse invisibile ai più, che renderà decisiva la contestazione contro l'avviso di accertamento.

Il nostro studio legale Avanzolini Federico, infatti, si circonda di personale altamente qualificato, sempre allo studio per elaborare nuove strategie e con un’esperienza decennale alle spalle per vincere con te ogni tua battaglia legale, puoi chiedere una prima consulenza on line sul nostro sito.

Consulenza Online

Lo Studio Legale Avanzolini offre un servizio di consulenza tributaria a Roma, Latina e Cori. In caso di impossibilità a recarsi in sede è possibile richiedere una consulenza legale online per avere in tempi brevi informazioni e pareri legali nell'interesse del pubblico (come avviene comunemente per via diretta o telefonica) avvalendosi del mezzo telematico.

Privacy
Oggetto: La scrivente fornisce, di seguito, le informazioni riguardanti l’utilizzo dei dati personali da Lei rilasciati attraverso la compilazione di questo form, in osservanza alle norme di cui al Regolamento UE 2016/679, relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati (noto anche come GDPR). I dati concernenti la Sua persona, da Lei spontaneamente forniti tramite la compilazione di moduli informatici, vengono raccolti esclusivamente per consentire il contatto con l’azienda e, eventualmente, eseguire il contratto con Lei concluso. Il conferimento, da parte Sua, dei dati in parola ha natura obbligatoria; il suo eventuale rifiuto non ci permetterà di fornirLe il prodotto/servizio da Lei richiesto (potenzialmente esponendoLa a responsabilità per inadempimento contrattuale) e, comunque, di evadere la Sua richiesta. All’interno della nostra struttura potrà venire a conoscenza dei dati solo il personale incaricato di effettuare operazioni di trattamento dei dati stessi, sempre per le citate finalità. Le ricordiamo inoltre che, facendone apposita richiesta al titolare del trattamento, potrà esercitare tutti i diritti previsti dagli articoli da 15 a 22 del predetto Regolamento UE, che Le consentono, in particolare, la facoltà di chiedere l’accesso ai dati personali e di estrarne copia (art. 15 GDPR), la rettifica (art. 16 GDPR) e la cancellazione degli stessi (art. 17 GDPR), la limitazione del trattamento che La riguardi (art. 18 GDPR), la portabilità dei dati (art. 20 GDPR, ove ne ricorrano i presupposti) e di opporsi al trattamento che La riguardi (artt. 21 e 22 GDPR, per le ipotesi ivi menzionate e, in particolare, al trattamento per finalità di marketing o che si traduca in un processo decisionale automatizzato, compresa la profilazione, che produca effetti giuridici che lo riguardano, ove ne ricorrano i presupposti). Le ricordiamo, altresì, il Suo diritto, qualora il trattamento sia basato sul consenso, di revocare detto consenso in qualsiasi momento, senza pregiudicare la liceità del trattamento basata sul consenso prestato prima della revoca; per fare ciò, può disiscriversi in ogni momento contattando il titolare del trattamento ai recapiti pubblicati sul sito stesso. La informiamo, inoltre, del diritto di proporre reclamo all’Autorità Garante per la Protezione dei Dati Personali, quale autorità di controllo operante in Italia, e di proporre ricorso giurisdizionale, tanto avverso una decisione dell’Autorità Garante, quanto nei confronti del titolare del trattamento stesso e/o di un responsabile del trattamento.

   Acconsento al trattamento dei dati

Vuoi sapere di più? Siamo lieti di rispondere.